DOVE MANGIARE

Ristoranti

Trattorie

CASA DEL GUARDIANO DELLE ACQUE
All’incrocio fra il Naviglio Grande e l’attuale Via Mazzini sorge la Casa della Regia Camera meglio nota come la Casa del Guardiano delle Acque. L’edificio, un tempo sede di pubblici uffici per il controllo del Naviglio, è attualmente in pessime condizioni ma sarà presto restaurato tornando, in un certo qual modo, alla sua vocazione originaria di tutela e controllo del canale.
L’edificio fu realizzato agli inizi del XVI secolo ed era originariamente adibita a residenza del “Camparo” (ossia del guardiano) del Naviglio. Al suo interno trovavano anche posto uffici pubblici, nei quali funzionari quali il Commissario e il Questore delle Acque svolgevano quotidianamente la loro funzione di ispezione e controllo del canale. Con l’avvento dell’epoca giolittiana e la caduta in disuso del Naviglio Grande come arteria di comunicazione, l’edificio fu abbandonato, andando incontro ad un progressivo peggioramento delle condizioni strutturali. Anche ai giorni nostri la Casa del Guardiano delle Acque appare come bisognosa di efficaci interventi di ristrutturazione che saranno realizzati nei prossimi anni, come già annunciato dalle amministrazioni provinciali e regionali. Il progetto prevede di utilizzare la struttura per la realizzazione di un laboratorio di ricerche ambientali sulle acque e sul territorio circostante.
Nonostante la destinazione d’uso dell’edificio fosse tipicamente “operativa”, finalizzata cioè ad ospitare pubblici uffici, la Casa del Guardiano delle Acque si presenta come una villa residenziale, strutturata su tre piani e con un ampio giardino sulla parte posteriore. La facciata è comunque sobria, priva di elementi decorativi caratteristici delle residenze private, con una sequenza ritmica di finestroni e un portale di ingresso centrale.



Torna indietro
eXTReMe Tracker