DOVE MANGIARE

Ristoranti

Trattorie

PALAZZO STAMPA CITTADINI
Il palazzo Stampa Il Palazzo Stampa
google_ad_format = "234x60_as";
Maestoso e compatto lungo l’alzaia del Naviglio Grande nei pressi dell’incrocio con il Naviglio di Bereguardo, si staglia Palazzo Cittadini Stampa, complesso architettonico e storico di primaria importanza, sede di segreti incontri di patrioti e personalità centrali dell’unità d’Italia.
Il Palazzo Cittadini Stampa non ha una precisa data di realizzazione, in quanto la prima documentazione scritta risale all’anno 1697, quando viene citato nel testamento del Sacerdote Giuseppe, considerato il probabile autore dell’opera architettonica. L’edificio fu realizzato per volere della ricca famiglia milanese dei Cittadini, che già dal XV secolo risultavano proprietari di diversi terreni in queste zone. La loro fortuna incontrò però un lungo declino tanto che, nel1751, decisero di cedere parte del complesso e nel 1792, con la morte di Giovanni Cittadini, ne persero completamente la proprietà. Il palazzo e il giardino furono quindi acquistati, nel 1835, da Giuliano Baronio, marito di una discendente della famiglia Visconti e quindi, per via ereditaria, alla figlia e a suo marito, il celebre patriota Gaspare Stampa. Egli vi abitò fino alla morte, giunta nell’anno 1874. Da allora il Palazzo divenne di pubblica proprietà passando all'E.C.A (Ente Comunale di Assistenza di Milano) che ne ricavò alcuni alloggi e quindi all’Amministrazione Comunale di Abbiategrasso. Attualmente il complesso è purtroppo in un pessimo stato di conservazione, tuttavia sono stati presi impegni da parte delle Amministrazioni locali e provinciali per un prossimo completo restauro.
Le dimensioni dell’edificio (circa trenta metri lineari e oltre dodici di profondità) e la pianta rettangolare fanno del Palazzo Cittadini Stampa un complesso architettonico estremamente compatto e di grande impatto visivo. Strutturato su tre piani, presenta una facciata caratterizzata da un ampio portone di ingresso con volta a tutto sesto, sormontato da un balcone con balaustra in ferro battuto tipicamente settecentesca. All’interno del palazzo si possono ancora trovare alcuni affreschi neoclassici, risalenti alla seconda metà del XVII secolo, realizzati da un gruppo di pittori milanesi. Non vi sono invece più tracce dell’oratorio della Famiglia Cittadini, fatto costruire dal Sacerdote Giuseppe e originariamente ubicato tra il palazzo nobiliare e la residenza del cappellano.
Palazzo Cittadini Stampa fu importante luogo di incontro per coloro che lottavano per l’unità d’Italia. Si narra infatti che anche personalità di primo piano come Giuseppe Mazzini e Garibaldi vi passarono alcune notti.



Torna indietro
eXTReMe Tracker
Crispers printable coupons www.takecoupon.com. . Boost lol review is boost lol. . superiorpapers.com scam . website . Source