IL TERRITORIO

Mappa

Fotogallery

Slideshow

TEMPO LIBERO

Sport

Divertimenti

Cucina

DOVE MANGIARE

Ristoranti

Trattorie

FRA LE VILLE STORICHE DEL MAGENTINO
La facciata di Villa Giacobbe La facciata di Villa Giacobbe
google_ad_format = "234x60_as";
Uscendo dalla stazione ferroviaria in direzione del centro, trovate alla vostra destra un parco lungo e stretto all'interno del quale si trovano la statua del Generale Mac Mahon e l'Ossario dei Caduti.
Già al suo primo impatto la città manifesta dunque la propria anima, intimamente legata alla famosa battaglia del 1859 durante la quale l'esercito franco-piemontese sconfisse le truppe austriache aprendo la strada alla futura unità d'Italia. L'atmosfera che si respira è quasi di rispetto e silenziosa gratitudine..

Proseguendo verso il centro, in via 4 giugno (data della battaglia) si impone la facciata di Villa Giacobbe, che è stata lasciata volutamente "non-restaurata" per poter mostrare ancora oggi le cicatrici inferte dai colpi di mortaio.

google_ad_format = "234x60_as";
Piazza della Liberazione Piazza della Liberazione
Poco oltre, nella piazzetta Martignoni, si trova l'omonima villa, sede del Comune, mentre in fondo alla via sulla sinistra si apre Piazza della Liberazione con i suoi portici e i palazzi storici affacciati a far da cornice a una delle più belle piazze di tutto il territorio.

Attraversando la piazza incontrate la Chiesa di S. Maria Assunta, dove molti feriti trovarono rifugio e conforto. Proseguite poi lungo via Milano per raggiungere in breve la città di Corbetta.


Introduzione: lunghezza e tempi di percorrenza
1 - Partenza: Magenta e la storia dell'unità d'Italia
2 - Da Corbetta ad Albairate, un viaggio nel tempo
3 - Cassinetta e Robecco, le perle del Naviglio

eXTReMe Tracker