DOVE DORMIRE

Hotel

DOVE MANGIARE

Ristoranti

IL SANTUARIO DI GIANNA BERETTA MOLLA
La parrochiale vecchia La parrochiale vecchia
google_ad_format = "234x60_as";
La vecchia chiesa parrocchiale di Mesero si trova nella piazza del paese, accanto all'imponente nuova costruzione. Dedicata alla Purificazine della Beata Vergine, esisteva già nel XIII secolo, documentata nel Liber Notitiæ Sanctorum Mediolani di Goffredo da Bussero e venne ristrutturata all'inizio del XVI.
Al 1595 risale la costruzione del battistero, mentre assunse l'aspetto attuale rinascimentale barocco nel 1638 grazie all'impegno dei monaci certosini. Nel 1735 venne aggiunto l'ossario sul fianco destro.
La facciata è divisa in due ordini divisi da un cornicione. In alto si aprono due finestre, con al centro lo stemma della Certosa di Garegnano, mentre nella parte bassa l'entrata è preceduta da un vestibolo sostenuto da due colonne. L'interno è ad un'unica aula. Subito a sinistra si incontra il battistero con un bell'affresco di fine XVI secolo rappresentante il battesimo di Cristo. Le cappelle sono due: quella di sinistra dedicata all'Annunciazione, poi alla Madonna del Rosario, con la statua lignea posta nel 1745; quella di destra, a San Giuseppe, poi a Sant'Antonio, rappresentao in un quadro del XVII secolo adorando la Vergine Maria e Gesù Bambino, con San Bruno e San Liborio. Gli affreschi delle pareti risalgono al 1892, per mano dei pittori Calcaterra di Cuggiono e Ferrario di Ossona, mentre quelli sulla volta e ai lati dell'altare maggiore sono del 1917 ad opera di Zambellini di Lodi. Con la costruzione della nuova parrocchiale nel 1972, la chiesa rimase aperta fino al 1976 per celebrazioni feriali e chiusa al culto nel 1976.
Con la santificazione di Gianna Beretta Molla, nel 2002 la chiesa venne ristrutturata nel Santuario della Famiglia, dedicato alla Santa.

Santa Gianna Beretta Molla



Torna indietro