DOVE DORMIRE

Hotel

DOVE MANGIARE

Ristoranti

CASTERNO
La località di Casterno è probabilmente una delle più antiche del territorio di Robecco. I reperti risalenti all’età romana lasciano supporre che in queste terre esistessero fortificazioni risalenti al 200 a.c. La posizione di Casterno, al di sopra di un ampio “cilione” che domina la valle del Ticino, era del resto strategicamente ideale: si poteva infatti dominare un’ampia parte della valle e controllare i guadi sul fiume. Per questi motivi Casterno fu fin dalle origini e poi nel corso dei secoli luogo ideale per edificare fortificazioni di controllo del territorio. La stessa origine del nome è legata a questa caratteristica naturale: " Castrum Externum" e poi "Casternum" cioè luogo fortificato e circondato da mura o da fossa. Casterno fu dunque sede di un castello del quale si ha traccia anche in alcuni scritti del 1050 e che fu poi distrutto nell’anno 1245. Dello stesso periodo, X-XI secolo, sono le fondamenta delle due chiese di Casterno, la Chiesa di Sant’Andrea e la Chiesa di Santa Maria, le più antiche del territorio. Con la fine del XIII secolo l’apertura del Naviglio comportò un rapido sviluppo del centro di Robecco a discapito di Casterno le cui terre divennero proprietà della potente famiglia milanese dei Pietrasanta. In questo periodo i monaci di Sant’Ambrogio ad Nemus, fondarono il monastero di Casterno che passò successivamente ai padri Carmelitani della Congregazione di Mantova fino a quando, nel 1780, fu soppresso per ordine di Giuseppe II Imperatore d’Austria. Nel XIX e XX secolo il centro di Casterno, a differenza delle altre frazioni di Robecco, ha conosciuto un lento ma progressivo sviluppo, specie lungo la direttrice nord sud, cioè verso Carpenzago ed Abbiategrasso.
La Chiesa della Madonna del Carmine viene stranamente chiamata “Gèsa dal boia” (Chiesa del diavolo). In realtà questo soprannome le è stato dato in quanto al suo interno si trova una statua di San Bernardo che tiene un diavolo legato a una catena.



Torna indietro
eXTReMe Tracker