DOVE DORMIRE

Hotel

DOVE MANGIARE

Ristoranti

VILLA DUGNANI
Villa Dugnani Villa Dugnani - giardino interno
google_ad_format = "234x60_as";
Sulla sponda sinistra del Naviglio, caratterizzata da un porticato secentesco al quale si accede da una breve scalinata, proprio di fronte a Villa Gandini si trova Villa Dugnani.
Villa Dugnani risale presumibilmente alla prima metà del XVI secolo. All’epoca risultava intestata alla famiglia Cittadini che ne rimase proprietaria per un lungo periodo. Nel 1632 fu costruito nelle vicinanze della villa, per volere di Gerolamo Cittadini, un oratorio dedicato ai SS. Gerolamo e Onofrio.
Nel 1760 l’estimo di Robecco indica in Don Giulio Dugnani fra i possessori della villa e del territorio adiacente. La villa fu successivamente ceduta dal Cardinale Antonio Dugnani all’orfanotrofio femminile di Milano. Ad oggi la villa, che nel corso dei secoli è stata oggetto di interventi di restauro che hanno comportato la demolizione di alcune parti, è proprietà della famiglia Benini – Bossi.

La Villa presenta oltre al porticato secentesco affacciato sul Naviglio, un’ interessante facciata, rivolta verso via Matteotti, caratterizzata da ampie finestre quattrocentesche con cornice decorata. All’interno è visibile un grazioso cortile e un pozzo in mattoni al centro.
La struttura interna è suddivisa in una sala e un salone di più ampie dimensioni, entrambi affacciati sul giardino interno. L’accesso ai piani superiori avviene attraverso uno scalone a due rampe.
Il pozzo della villa è costruito con alcuni mattoni sui quali si può leggere la scritta “ad U.F.”. Tale scritta significava “ad usum fabricae” ed era il marchio che indicava i materiali utilizzati per la costruzione del Duomo. I barcaioli che trasportavano i materiali lungo il Naviglio erano soliti lasciare gratuitamente a chi ne faceva richiesta, parte del loro carico. Da questa usanza deriva il detto “a ufo”, cioè senza pagare.



Torna indietro
eXTReMe Tracker